• Rocca Massima Rocca Massima Il più alto dei comuni della provincia di Latina
  • Rocca Massima Rocca Massima 735 m dal livello del mare
  • Rocca Massima Rocca Massima Parco della Memoria
  • Rocca Massima Rocca Massima Scopri le meraviglie del nostro Paese

Lo Sperone - Giugno 2019


NON UNA DI MENO!
Troppo lungo l’elenco delle donne uccise,
troppo alto il prezzo da pagare per ottenere un cambiamento culturale

L’opera “Isabella di Morra”dedicata alla giovane poetessa uccisa dai tre fratelli a soli 25 anni è composta da due esili braccia auree protese idealmente e spiritualmente verso l’alto in segno d’invocazione e sostengono un cranio dal candido biancore simbolo di purezza. Le tensioni delle braccia escono dalla Madre Terra come dire: “Eccomi sono riapparsa”. L’opera è come fosse un’apparizione della stessa Isabella, che ci osserva come se volesse ancora parlare e declamare, attraverso la poesia, tutto il suo dolore esistenziale e invoca rivalsa. Il Maestro F. Guadagnuolo con il suo monumento funebre è come se volesse offrire alla poetessa una tomba che non ha mai avuto per una corretta e degna sepoltura, infatti ricordiamo che il corpo di questa giovane donna non fu mai ritrovato. E dinanzi all’opera “Isabella di Morra” esposta al Belvedere di Rocca Massima per l’evento Volare libere: NO alla violenza sulle donne, si sono radunati semplici cittadini, tutte le Associazioni locali, il gruppo scout CNGEI di Velletri-Giulianello, il sindaco Angelo Tomei e le rappresentanze istituzionali di Cori, Aprilia, Albano e Velletri nonché le forze dell’ordine, i vigili urbani e l’Associazione Nazionale Carabinieri, sez. Brig. Ezio Lucarelli MOMC.

| Continua a leggere |

 

Altre notizie

| Dove trovare Lo Sperone |