• Rocca Massima Rocca Massima Il più alto dei comuni della provincia di Latina
  • Rocca Massima Rocca Massima 735 m dal livello del mare
  • Rocca Massima Rocca Massima Parco della Memoria
  • Rocca Massima Rocca Massima Scopri le meraviglie del nostro Paese

Lo Sperone - Aprile 2018


ROCCA MASSIMA
Un rocchigiano a capo della Filiera Olivicolo Olearia Italiana

Dopo Marcello Del Ferraro, eletto presidente nazionale di ASSITOL (Associazione Italiana Industrie Olearie), anche un altro nostro concittadino Paolo Mariani già presidente di Asso.frant.o.i. (Associazione Frantoi Oleari Italiani, appartenente a Confagricoltura) è stato nominato al vertice di un’importante organizzazione nazionale del settore olivicolo: “Filiera Olivicola Olearia Italiana” (FOOI).
Il FOOI è un’organizzazione nata per rappresentare sia a livello nazionale che internazione, gli interessi e la tutela di tutti i protagonisti dell’olivicoltura italiana, dai produttori ai consumatori, ma anche tutte le categorie che occupano la parte centrale della filiere, come i frantoiani, imbottigliatori e le industrie del settore.

Nell’incontro, tenutosi a Roma, sono state nominate le nuove cariche sociali e, come detto, il nuovo Presidente della FOOI è Paolo Mariani, vicepresidente è Anna Cane, Presidente del gruppo olio d’oliva di Assitol. Direttore della FOOI, invece, è stato confermato Giuliano Martino. Fanno parte del consiglio di amministrazione il Presidente del CNO, Gennaro Sicolo, il Presidente di Unasco, Gino Canino, il Presidente di Unapol, Tommaso Loiodice, il Presidente di Aifo, Pietro Gonnelli. Subito dopo l’investitura il neo presidente ha rilasciato la seguente dichiarazione: “L’olio extravergine d’oliva, che tuteliamo insieme attraverso la filiera, è simbolo dell’economia nazionale e merita di essere difeso con grande compattezza e determinazione: Il nostro prodotto deve essere promosso e qualificato sul mercato evitando una corsa al ribasso che fa male a tutti. FOOI è sinonimo di innovazione: finalmente, forse per la prima volta nella storia, l’olivicoltura italiana si presenta compatta e forte, con una grande attenzione ai consumatori attenti alla qualità del nostro prodotto”.

 

| Continua a leggere |

 

Altre notizie

| Dove trovare Lo Sperone |