Lo Sperone Settembre 2014
 

XII PREMIO GOCCIA D’ORO

Il X agosto, la “Mons. Giuseppe Centra”, associazione culturale di promozione sociale, ha premiato gli adulti e i ragazzi partecipanti alla XII edizione del Premio “Goccia d’oro” (Poesia e fotografia). La cerimonia come da tradizione, si è svolta a Rocca Massima alle ore 21, nel “Parco della Memoria”, un luogo splendido per la posizione, il panorama, la vegetazione…; è di proprietà comunale, ma è stato ideato ed è tuttora curato dalla “Pro Loco”. I partecipanti, oltre i diretti interessati, come sempre, sono stati numerosi e sono venuti, oltre che dal Paese, soprattutto da lontano: da Genzano, Velletri, Lariano, Lanuvio, Roma, Anagni, Giove (TR), Alatri, Isola Del Liri….Per ovvii motivi non hanno partecipato i ragazzi della Sicilia.

La serata è stata allietata dal canto di Sabrina Brodosi che vive a Rocca Massima pur essendo originaria di Roma. La sua voce eccellente e la sua grande bravura hanno subito creato un’atmosfera di festa, di gioia e di ammirazione in tutti i presenti. I vari momenti della premiazione sono stati “gestiti” e commentati da Fabiola Sambucci, speaker di Radio Delta Velletri e legata al Premio da molti anni, come pure alla radio dove lavora. Alle due signore, all’inizio della cerimonia, come segno di amicizia e gratitudine, è stata consegnata dal Presidente la tessera di socie “ad honorem”. Sempre all’inizio, la lettura della poesia di Giovanni Pascoli, “S. Lorenzo” declamata dalla socia prof.ssa Patrizia Audino, ha introdotto tutti in una atmosfera di Poesia. Forse non ci poteva essere un inizio migliore sia per la bellezza della poesia pascoliana, sia per la coincidenza con la festa di san Lorenzo, l’interpretazione poetica delle stelle cadenti e tutti gli altri temi che influenzarono fortemente la vita del Poeta. I dodici ragazzi premiati hanno letto con spigliatezza le loro poesie; per gli adulti invece quasi tutte le poesie sono state lette dalla prof.ssa Patrizia Audino la quale ha saputo rendere molto bene i contenuti delle varie liriche. Tutto si è svolto con tranquillità, cortesia ed entusiasmo.

Alla fine ci si è ritrovati tutti davanti a tavoli imbanditi, in modo eccellente, dalla “Locanda dell’Arcangelo”, per un “rinfresco” gustoso offerto dall’Associazione, grazie a donazioni liberali di amici. Nelle pagine centrali di questo mensile pubblichiamo i nomi dei vincitori, delle scuole partecipanti, dei dirigenti scolastici e dei docenti di riferimento. Con l’inizio dell’anno scolastico inizieremo la premiazione di tutti i ragazzi nelle rispettive Scuole, previo accordo con i dirigenti. Ancora un ringraziamento ai soci dell’Associazione, agli amici che ci aiutano e sostengono, a tutti coloro che hanno consigliato i ragazzi di partecipare e che…credono nella cultura.

Enrico Mattoccia

SEZIONE POESIA
Adulti: 100 - Ragazzi: 389.
ADULTI VINCITORI:
Gino Maiello, Roberto Zaccagnini, Marisa Monteferri, Lidia Giorgi, Carmelo Salvaggio, Bruno Fiorentini, Alberto Pucciarelli.
ADULTI CHE HANNO AVUTO LA PUBBLICAZIONE DI UNA POESIA:
Angela Petruccione, Cinzia Gargiulo, Carmelo Salvaggio, Elvio Angeletti, Fiorella Giovannelli, Luciana Raggi, Maria Pia Palleschi, Irene De Pace, Lidia Giorgi, Francesco Briganti, Manuela Magi, Giorgio Tora, Fiorella Giovannelli, Marisa Monteferri, Leila Spallotta, Graziella Benatti, Lorella Borgiani, Jole Traves, Gino Maiello, Rita Sain, Rita Minniti, Maria Clara Lucarini, Anna Filomena Santone, Mafalda Conti, Colombo Conti, Giulio Montagna, Carmelo Loddo, Consolata
Arcudi, Mario Olimpieri, Manuele Magi, Elvio Angeletti, Ennio Orgiti, Angelo Petriccione.
RAGAZZI VINCITORI:
Giulia Morelli, Davide Piozzi, Giulia del Tosto, Giovanna Bettiol Furlan, Aurora Spagnol, Alessia Loffreda, Niko Bobbone, Iacopo Alberto Mura, Lorenzo Pietrobono, Nicolò Vari, Anastasia De Turris, Maria Grazia Arena.
RAGAZZI CHE HANNO AVUTO LA PUBBLICAZIONE DI UNA POESIA:
Gruppo: I A - “C. Marchesi” Genzano; Gruppo: V A – V B - “C. Marchesi” Genzano ; Linda Sorrentino, Sofia Gulia, Stefano Astazzi, Federico Vulcano, Claudia Lupi, Gioia Monaco, Francesca Sinibaldi, Matilde Anglano, Gabriele Tedeschi, Michelangelo Pucello, Denise Santoro, Bemedetta Vari, Vittoria Fagiolo, Alessio Virgili, Noemi Vita, Ilaria D’Alessio, Letizia Bongirolami, Carolina Mastria, Samuele Sistopaolo, Anna Stallone, Stefano Trio, Flavia Gentili, Valerio Danese, Carlotta Budini, Marco Miglietta, Lucrezia Todini, Vanessa Vita, Davide Priori, Denisa Negrescu, Gabriele Zoppeddu, Elenia Rondoni, Francesco Spallotta e Giulia Talone, Mihaela Cosma, Federico Capretti, Emanuele Temis, Gaia Santini, Aurora Lombardo, Filippo Gangi, Vanessa Conciatori, Beatrice Fattori, Thea Bagaglini, David Baccile, Lara Meazza, Alessandra Cianfriglia, Simone Rapone, Federica Dell’Uomo, Elisa Evangelisti, Stefania Berehoi, Leonardo Proietti, Federica Arnone, Sara Pacini, Floriana Scascitelli.

SEZIONE FOTOGRAFIA
Solo Adulti: 16
VINCITORI:
Enrico Cappelli, Angelo Simeoni, Livia Pica.
PARTECIPANTI:
Graziella Bartolomei, Enrico Cappelli, Di Falco Luciano, Fanelli Fabrizio, Morelli Cristiano, Paolo Otramari, Luciano Paiola, Sergio Panella, Livia Pica, Sara Pulicati, Angelo Simeoni, Marco Simonelli, Sandro Venditti, Francesco Viglianti, Zampini Marika, Associazione “Mons. G. Centra”.

 

scarica la versione in pdf

 

AUGURI ALLA SOCIETA’ “MAXIMA” E A ROCCA MASSIMA

Superate diverse difficoltà, dopo i controlli e collaudi delle autorità competenti, l’impianto del “FLYING IN THE SKY”, realizzato a Rocca Massima dalla società “Maxima”, sarà inaugurato ufficialmente il 6 settembre proprio quando questo giornale starà in distribuzione. L’attività inizierà subito, accontentando soprattutto i giovani che aspettano con grande desiderio di poter provare le emozioni del volo.

“Lo Sperone” nel prossimo numero di ottobre farà una dettagliata cronaca della cerimonia d’inaugurazione e fornirà informazioni sul periodo di funzionamento, il costo del biglietto, come prenotarsi ecc. Intanto da queste pagine facciamo i migliori auguri a tutti: proprietari, realizzatori, utenti…con la speranza che “Il Volo” possa essere per Rocca Massima un’opportunità in tutti i sensi.

 

scarica la versione in pdf

 

Strada provinciale Cori-Rocca Massima
labile segnaletica orizzontale

Durante i recenti mondiali di calcio che si sono svolti in Brasile, abbiamo visto all’opera gli arbitri dotati di una bomboletta spray con la quale segnavano sul terreno di gioco il punto esatto da dove doveva essere battuta una punizione o la distanza regolamentare che doveva essere rispettata per posizionare la barriera dei difensori. La schiuma bianca della bomboletta rimaneva solo per poco sull’erba perché al massimo dopo tre minuti evaporava. Questo fatto deve aver  particolarmente colpito l’Amministrazione Provinciale di Latina e i suoi dirigenti e tecnici responsabili del procedimento quando hanno deciso (era ora!) di rifare le strisce bianche che delimitano la strada Cori-Rocca Massima utili e addirittura indispensabili quando c’è nebbia fitta.

Come potete vedere in questa foto, in molti tratti la vernice, anziché essere stesa sull’asfalto dove fa presa e persiste per lungo tempo, è stata stesa sull’erba. La striscia bianca sui campi di calcio (acqua più una miscela di gas butano, isobutano e propano) spariva dopo qualche minuto; la striscia bianca sull’erba della strada Cori-Rocca Massima scomparirà fra non molto quando l’erba, ormai secca, marcirà. La schiuma bianca usata dagli arbitri è stata adottata dopo che era stata sperimentata in molte partite del campionato brasiliano e di quello argentino. Forse la Provincia di Latina ha scelto la nostra strada provinciale per testare questa nuova tecnica prima di adottarla su tutte le altre strade della provincia? Se così fosse, ci permettiamo di dire ai signori tecnici e politici provinciali di soprassedere.

Non funziona: è passato un mesetto e in molti punti la striscia non si vede già più. Certo non ci voleva uno scienziato per capire che prima di passare la vernice era necessario ripulire il ciglio stradale con un semplice decespugliatore e una brava ramazza! E dire che qualche anno fa, per delimitare la carreggiata nei punti più critici, erano stati messi dei blocchettini catarifrangenti meglio conosciuti come “occhi di gatto”. In caso di nebbia fitta erano un aiuto straordinariamente efficace. Signori della provincia, non sarebbe il caso di rimettere gli “occhi di gatto”? Quantomeno ripassate le strisce che avete fatto perché l’estate (per quanto strana) sta finendo e in autunno ricompaiono le prime nebbie. Ma ricordatevi una cosa importante: prima della vernice dovete passare con la scopa!
Remo Del Ferraro

 

 

scarica la versione in pdf

 

Aldo Onorati a Rocca Massima

Aldo Onorati è uno dei maggiori studiosi di Dante a livello mondiale; una sua importante prerogativa, rispetto ad altri specialisti, è quella di saper interpretare, con semplicità e chiarezza, le pagine più difficili ed ostiche del nostro sommo Poeta e comunicarle poi ad un pubblico non selezionato, insieme alle sue idee ed esperienze. Si tratta di una qualità preziosa, necessaria per diffondere qualsiasi tipo di conoscenza, nel nostro caso la Divina Commedia, uno dei maggiori poemi del mondo, anzi, secondo alcuni il maggiore in senso assoluto. Onorati è venuto a Rocca Massima una prima volta l’11 aprile di quest’anno. Malgrado il tempo brutto ed il freddo, un bel numero di persone (circa 80), di Rocca Massima, Cori, Giulianello e anche di Velletri, hanno seguito con attenzione la sua esposizione e le sue riflessioni sul canto V dell’Inferno. Dato il successo, l’Associazione Culturale di promozione sociale “Mons. G. Centra”, lo ha invitato di nuovo. C’è voluto un po’ di tempo perché trovasse un giorno libero e adatto per noi; finalmente ci ha proposto il 9 agosto ed abbiamo accettato, con reciproca gioia.

Non solo ha commentato i versi di Dante ma ha esposto tutto un quadro storico non solo  contemporaneo ma anche antecedente al Conte Ugolino. Gli ascoltatori, anche questa volta numerosi, non solo hanno seguito con attenzione ma hanno anche commentato ed ammirato la vasta cultura dell’oratore, grazie anche al clima amichevole che egli stesso ha saputo subito creare. Può sembrare strano, ma è la verità ed è assai positiva e piacevole, che un uditorio di persone comuni, in ferie a Rocca Massima, tra le quali c’era appena qualche laureato, abbia seguito con attenzione e alla fine si sia dichiarato soddisfatto e felice auspicandosi che l’Associazione continui con incontri di questo genere. Si tratta di un segnale positivo che dimostra come la cultura vera, proposta e trasmessa da persone non solo competenti ma capaci di un discorso semplice, completo, attraente…

Così dovrebbero fare coloro che si interessano di trasmettere la cultura. Il quadro storico, le frequenti citazioni di passi di Dante (sempre a memoria!), i paragoni, il linguaggio elevato e non troppo specifico, il “calore” con cui l’Oratore ha parlato, il rispettoso silenzio del pubblico, che veramente “pendeva dalla sue labbra”, hanno concorso a far sì che l’ora e mezza dell’incontro sia risultata piacevole ed abbia influito anche su persone che forse per la prima volta si avvicinavano a Dante. A conclusione della sua conferenza Aldo ha declamato a memoria la parte del canto che si riferisce al Conte Ugolino e alla tragica sorte sua e dei figli. Alle richieste del Pubblico di moltiplicare occasioni di questo tipo, Aldo ha dato la sua  disponibilità, sempre approfittando dei giorni in cui non è legato al lavoro che fa per la “Società Dante Alighieri” quale “ambasciatore di Dante in tutto il mondo”, come è stato definito. Alla fine un socio, con molta gentilezza ha voluto regalare all’Oratore un cesto con prodotti di Rocca Massima, che il Professore ha molto gradito.

Enrico Mattoccia

 

 

CORI
grande successo del coro “Lumina Vocis” in terra vichinga

Strepitosa accoglienza riservata al Coro Polifonico «Lumina Vocis» di Cori in terra vichinga. Dal 18 al 22 Agosto, accompagnato dal Sindaco Tommaso Conti, che nel 2011 l’ha riconosciuto come “Associazione di interesse comunale”, il Coro ha avuto modo di presentare e far apprezzare, in Svezia e in Danimarca, il suo ampio repertorio polifonico di brani sacri e profani, dei più importanti compositori dal Cinquecento ad oggi. Il gruppo di soprani, contralti, tenori e bassi, diretto dal M° Giovanni Monti, ha aperto la sua tournée con un’esibizione in Svezia, nella cittadina di Forstorp, in una tipica e suggestiva Chiesa Evangelica Luterana, dopo l’esecuzione musicale del coro locale «Hellre än brakören », diretto dal M° Anders Lennartsson, ospitato lo scorso ottobre dalla corale corese nella Chiesa di S. Oliva. I cantori lepini hanno poi lasciato la Scandinavia per raggiungere o Jutland.

Attraversando il ponte di Øresund, che collega la città svedese di Malmö a Copenaghen, hanno tenuto un concerto nella capitale danese, presso l’auditorium dell’Istituto Italiano di Cultura, invitati dal direttore Fabio Ruggirello, e in presenza dell’Ambasciatore italiano in Danimarca, Stefano Queirolo Palmas. Un legame, quello tra la Città d’Arte e l’antico Porto dei Mercanti, che il «Lumina Vocis» e il Comune di Cori rinnovano ogni anno, dal 2010, con la Rassegna di Polifonia orale in onore di Henning Nielsen. “Il Coro Polifonico «Lumina Vocis» si manifesta come Ambasciatore di Cultura italiana all’estero e rende lustro alla Città di Cori” – il commento del primo cittadino Tommaso Conti, soddisfatto ed orgoglioso di quest’altro prestigioso riconoscimento attribuito dal pubblico alla compagnia corese. Nata nel 2005, è diventata una nota importante del territorio, conosciuta e stimata in diverse parti d’Italia e d’Europa, vincendo poche settimane fa il 1° premio al X Concorso Internazionale «Chorus Inside Summer».

 

 

 
 
 

Associazione Culturale Mons. Centra C.F. 91056160590. Design by Diamond Style