Lo Sperone Luglio 2016
 

L’Associazione “Mons. Giuseppe Centra”

Vogliamo fornire  alcune notizie sulla nostra Associazione, sia per coloro che non ne sono al corrente, sia per coloro che hanno alcune idee poco precise, come capita di notare piuttosto frequentemente. L’Associazione è un fondazione senza scopo di lucro, ossia non  chiede nulla per appartenervi  e non dà alcun compenso ai soci per il  lavoro fatto per l’Associazione. I soci sono aperti al “dono” del loro lavoro fatto per gli altri, secondo le loro capacità e lo fanno con soddisfazione  e gioia.

La nostra Associazione ha come scopo principale quello di far conoscere, specialmente ai ragazzi e ai giovani, la cultura: la letteratura italiana, le opere che escono su argomenti scientifici, religiosi, le poesie dedicate ai ragazzi e agli adulti, le difficoltà del vivere, la visione cristiana del mondo, l’incontro con persone specializzate. Di solito l’incontro con una persona viene ben accolto anche da individui che non hanno potuto farsi una cultura di un certo livello. L’Associazione ha anche pubblicato su questo giornalino articoli di un certo valore e stampato volumi e volumetti che sono stati sempre ben accolti ed hanno fatto conoscere luoghi e persone di Rocca Massima.

Ci sono ancora molte notizie da scoprire sulla storia di Rocca Massima; occorre “visitare” diverse biblioteche  sia a Velletri sia a Roma, per scoprire pagine di storia che riguardano il nostro Paese.

L’Associazione “Mons. Centra” organizza anche visite guidate a luoghi e palazzi che sono famosi ed interessanti; per domenica 10 luglio è programmata una visita alla reggia di Caserta rinnovata e restaurata dopo un periodo di un certo abbandono; sarà certamente un’occasione per capire tante cose sulla storia rinascimentale dell’Italia; l’iniziativa è stata accolta con piacere anche da molte persone che apprezzano l’operato dell’Associazione.

Lo Sperone, accanto alle notizie dei paesi vicini, pubblica spesso “pezzi interessanti” che fanno cultura. Tutti possono inviare un articolo a “Lo Sperone”, sarà pubblicato solo dopo un doverose controllo del contenuto, come si fa in tutti i giornali.  Il giornalino non è fatto per cercare un po’ di “gloria o notorietà”, ma per aiutare gli altri e far conoscere, sia pure in piccola parte, la storia della zona che ci circonda.

Ogni evento, ogni brano pubblicato può essere oggetto di discussione, di esperimento, di comunicazione agli altri...non è difficile scrivere una pagina su un argomento che si conosce bene. Aspettiamo “pezzi” da pubblicare, specialmente dai ragazzi e dai giovani.

Enrico Mattoccia

 

 

COMUNICAZIONE

Dove trovare Lo Sperone
Da qualche tempo molti nostro lettori ci scrivono per sapere i luoghi dove possono trovare Lo Sperone; da questo numero, lo comunichiamo ricordando che il giornale esce il primo sabato di ogni mese.

Rocca Massima: Bar “Baita” Montano del Principe, Alimentari Valentina, Pizza Mania, Bar “Volo”.

Boschetto: Molino Del Ferraro, Bar Pizzeria delle “Contrade”, Macelleria Battisti, Farmacia Dott.sa Fiacco.  

Giulianello: FrutteriaFrutta Market”, Macelleria Agnoni Fabrizio, Market “il Bottegone”, Farmacia “San Giuliano”, Pizzeria “3più”, Pasticceria “MammaMia”, Panetteria “Alessandroni Fabio”, “CocoBar”, Tabaccheria “ex Bariere”, Macelleria Zampi Giancarlo, Bar “Deny”, Centro Anziani “il Ponte”, Forno Panetteria “Metro”.

Cori: Edicola di piazza Signina, Bart “Art caffè”, Tabaccheria “Bauco”, Macelleria di via del Colle, Edicola vicina al Comune, supermercato Conad, edicola di piazza Romana, bar Vecchia Cori.

Velletri:caffetteria Vidili, oreficeria “Villa” sede storica, clinica Madonna delle Grazie, parrucchiere Mauro.

Lariano: Bar “del Corso”, Casa di riposo “Mater Dei”.

 

 

ESTATE ROCCHIGIANA 1

Anche quest’anno le varie Associazioni di Rocca Massima iniziano i festeggiamenti estivi sin dal mese di luglio per poi proseguirli, come sempre, nel mese di agosto. Si incomincia sabato 16 e domenica 17 luglio con  la prima fase della “Sagra degli Antichi Sapori”, giunta quest’anno alla 17a edizione, che vedrà coinvolti i ragazzi della Proloco  che ogni anno cooperano per la buona riuscita dell’evento gastronomico rocchigiano.

Questo avvenimento ormai è diventato una punto fisso per l’estate rocchigiana e sempre più visitatori salgono in paese per  gustare le prelibatezze culinarie locali e anche per ascoltare le esibizioni dei vari complessi che per l’occasione, saranno dislocati negli angoli più suggestivi del vecchio Borgo. Questo è un appuntamento da non perdere assolutamente! La seconda fase della Sagra ci sarà, salvo imprevisti, il sabato successivo a Ferragosto. Sabato 23 luglio, sempre la Proloco in collaborazione con i Maestri Lamberto e Michele Frasca, organizzeranno un’ esibizione di “ Boxe e di Kick-Boxing” in piazza; anche qui è opportuno assistere per applaudire i nostri campioni di arti marziali e di pugilato. Domenica 31 luglio alle ore 21,00 ci sarà un altro rilevante appuntamento estivo: la serata finale del “Premio Goccia D’Oro 2016”. Questo importante evento culturale, che si terrà nel suggestivo “Parco della Memoria”, in passato si era sempre svolto  la seconda domenica di agosto, quest’anno è stato anticipato per motivi organizzativi.

La preparazione è affidata, come sempre, all’Associazione “Mons. G. Centra” che ne cura ogni particolare; alla kermesse poetica parteciperanno, come consuetudine, molti adulti e tantissimi giovani studenti, provenienti da tanti paesi limitrofi ma anche da altre Regioni. Ultimo avviso: dal primo di luglio è partita a pieno regime la stagione estiva del “Flying in The Sky”, il volo “in picchiata” più lungo del mondo(2250 m). Sono ottanta secondi di adrenalina pura, a 150km/h e a circa 300metri di altezza, dove solo i più temerari possono accedervi indipendente dall’età, infatti si può volare dai 14 ai 100 anni basta godere di buona salute; con l’aggiunta, poi, di un pizzico di coraggio  lo spettacolo è superassicurato, credetemi! Per informazioni potete visitare il sito: www.flyinginthesky.it . Questi, per sommi capi, sono gli avvenimenti del “luglio rocchigiano”, quindi vi aspettiamo numerosi a Rocca Massima, non mancate!(A.A.)

 

 

MOMENTI DI GIOIA
18 e 19 giugno - Pioggia di confetti a Rocca Massima

Qualche altra volta sarà anche successo ma è un fatto abbastanza raro che a Rocca Massima (solo 1200 abitanti) nel giro di due giorni si celebrino due matrimoni come è successo il 18 e 19 giugno scorsi.

Il primo matrimonio, con rito civile celebrato davanti al sindaco Angelo Tomei, è stato quello di Salvatore Evangelista e Rosa Paratore.

Rosa e Salvatore sono due giovani che pur non essendo nati qui e pur non essendo figli di famiglie originarie del paese, hanno scelto il nostro comune come luogo di residenza. Sono già due anni che vivono qui e si sono ben ambientati; hanno una loro cerchia di amici e collaborano attivamente alle iniziative del paese. Hanno acquistato un appartamentino nella nuova lottizzazione “Le Màcere” e tutti i giorni si recano a Roma al lavoro come fanno già in molti del paese. A primo acchito sembra una situazione scomoda ma, a patto che ci si sposti in macchina fino a Cisterna, chi lavora non molto lontano dalla stazione Termini in poco più di un’ora sta in ufficio (20-25 minuti per arrivare a Cisterna e 20 minuti di treno fino a Termini). La fortuna di lavorare a due passi da casa ce l’hanno davvero in pochi.


Della simpatica cerimonia matrimoniale vi vogliamo raccontare un particolare originale e divertente. Salvatore è Sottufficiale dell’Esercito Italiano e spesso i militari come abito di cerimonia indossano l’alta uniforme e un picchetto d’onore formato da compagni d’armi saluta gli sposi facendoli passare sotto un tunnel formato dalle spade sguainate. Anche Salvatore ha indossato l’alta uniforme ma del tutto originale è stato il picchetto formato da giovani donne che anziché formare il tunnel con le spade lo hanno formato con belle e profumate rose. Si saranno ispirate alla canzone di “Mettete dei fiori nei vostri cannoni” dei Giganti (chi ha qualche annetto sicuramente ricorda!). L’originale idea è stata salutata con simpatia oltre che dagli invitati anche dal gruppetto di paesani curiosi presenti in piazza (per la verità la maggioranza erano donne intende a valutare il vestito della sposa).

 

 


 

GIULIANELLO-I giovani cantano per i nonni
2° INCONTRO DI CORI GIOVANILI

Bello spettacolo nel pomeriggio dello scorso 12 giugno al centro anziani “Il Ponte” di Giulianello!

Tre cori di ragazzi si sono esibiti al “2° Incontro di Cori Giovanili” entusiasmando i numerosi spettatori intervenuti con la loro bravura, freschezza e spontaneità. A questa edizione hanno partecipato tre cori: il coro “Alchemicanto” di Nettuno diretto dal M° Giovanni Monti, il “Coro di voci Bianche e Giovanile” di Latina diretto dal M° Monica Molella e il coro “Mani colorate”, anch’esso diretto dal M° Molella e coordinato dalle dott.sse Marilena Boschin, Mariangela Peduto e Letizia Saltarelli. Il coro “Mani colorate” è il coro ufficiale dell’Ente Nazionale Sordi-Sezione di Latina e per partecipare all’evento ha fatto un vero tour de force perché lo stesso giorno si era esibito a Roma in piazza san Pietro in occasione del Giubileo dei disabili; la loro presenza ha aggiunto simpatia a simpatia.

Il concerto è stato davvero godibile con un programma molto vario e costituito da pezzi impegnativi ed eseguiti con bravura; merito e onore all’impegno dei giovani coristi e alle capacità professionali dei maestri Monti e Molella. Questo incontro artistico è stato promosso e organizzato dal centro anziani di Giulianello che può andare orgoglioso di questa iniziativa perché ricca di tanti risvolti sia artistici che sociali che furono ben considerati quando al comitato di gestione fu fatta la proposta di organizzare una rassegna musicale per giovani.

Le difficoltà legate alle limitate risorse economiche del Centro sono  state subito superate perché si capirono le positive ricadute di una simile iniziativa. Oltre ad offrire ai soci e alla cittadinanza di Giulianello un concerto corale che sicuramente avrebbe arricchito la loro sensibilità artistica, si sarebbero potute perseguire anche finalità educative. Si dava ai ragazzi l’opportunità di esibirsi mettendo in mostra le loro capacità  e allo stesso tempo potevano confrontarsi con altre esperienze  arricchendo il loro bagaglio artistico e umano; si dava uno stimolo all’attività dei ragazzi e nello stesso tempo si lanciava il messaggio ad altri giovani affinché intraprendessero anch’essi un’attività socializzante come quella di cantare in coro.

Proprio per sottolineare questi aspetti si è preferito chiamare l’evento “Incontro di cori” piuttosto che “Rassegna di cori”
Il numerosissimo pubblico presente ha applaudito con calore l’esibizione canora e il presidente del Centro anziani Attilio Coluzzi salutando i cori alla fine del concerto ha assicurato che con il comitato di gestione de “Il Ponte” farà del tutto per dare continuità all’iniziativa anche nei prossimi anni. Intanto ci sarà da pensare ad un’altra location perché il salone del Centro, pur abbastanza ampio, non è riuscito ad accogliere tutti gli intervenuti.

Sarebbe una bella cosa se anche l’Amministrazione Comunale  e altre realtà presenti sul territorio dessero una mano a far crescere questo evento perché è fondamentale accompagnare i giovani nella loro crescita culturale, sociale e umana e un’iniziativa del genere può essere un efficace supporto. L’assessora Chiara Cochi, presente in rappresentanza del Sindaco, ha potuto constatare di persona la validità dell’iniziativa e lo ha rimarcando quando è intervenuta per complimentarsi con i giovani artisti. Ci sarà tempo e modo per riparlarne ma intanto ai ragazzi diciamo: “Bravissimi e arrivederci al prossimo anno!”

Remo Del Ferraro

 

 
 
 

Associazione Culturale Mons. Centra C.F. 91056160590. Design by Diamond Style